Fotografo Sposa e Sposo a stretto contatto per molte ore – indispensabile pianificare tutto!

Fotografo sposa e sposo sono le persone che passano più tempo insieme durante la giornata del matrimonio. 

Dedichiamo da sempre molta attenzione alla pianificazione del servizio fotografico di matrimonio e oggi abbiamo deciso di condividere con voi il nostro metodo così che possiate capire esattamente come opera un vero fotografo professionista per ottenere foto di coppia perfette.

Ottenere delle belle foto di matrimonio dipende principalmente dalla programmazione e da tre persone: fotografo, sposa e sposo.

L’unione fa la forza! Ma quali sono gli elementi che faranno nascere questa unione?

Nella fase di briefing è fondamentale che gli sposi forniscano più dettagli possibili al fotografo, solo così il professionista potrà pianificare al meglio le diverse fasi della giornata, raccontare nel modo giusto tutti i momenti più importanti del matrimonio ed ottenere scatti perfetti.

Attraverso una lunga chiacchierata saremo in grado di conoscere gli sposi, i loro gusti, le loro aspettative, ma soprattutto capiremo come gestire le varie fasi della giornata per mettere a proprio agio la coppia. Sposa e sposo potranno godersi ogni momento sapendo sempre esattamente quale sarà la fase successiva.

I passaggi più importanti della pianificazione del servizio fotografico di matrimonio.

Trovare l’empatia tra fotografo sposa e sposo

Partiamo dall’empatia perchè da essa dipende veramente tutta la giornata del matrimonio.

Scegliere il fotografo giusto non è solo una questione di gusti per la fotografia, ma soprattutto di empatia.

Tra tutti i professionisti presenti durante la giornata del matrimonio, il fotografo sarà colui che passerà più ore al vostro fianco. Questo vi fa capire che dovrete scegliere con cura la persona che racconterà il vostro matrimonio.

Immagino che non vorreste mai trovarvi con una persona poco gradita a stretto contatto con voi per tutto il giorno, soprattutto quando quest’ultima ha il compito di raccontare un momento intimo e delicato che parla di sentimenti veri e forti.

La soluzione è semplice!

Quando scegliete il vostro fotografo assicuratevi che vi piaccia il suo stile fotografico, ma soprattutto che sia una persona piacevole con cui sarete felici di condividere un momento unico come quello delle vostre nozze. Dovrà essere capace di trovare soluzioni adatte a ridurre ogni vostra ansia riguardo la perfetta riuscita del servizio fotografico. 

Per tale motivo assicuratevi di chiedere al fotografo con cui avete fatto il primo incontro, se vi seguirà personalmente durante l’intera giornata del matrimonio e se possibile fatevi presentare i collaboratori.

Esistono molti studi composti da più team di fotografi in questo caso se non si prendono accordi precisi è possibile che dopo aver incaricato lo studio vi ritroviate, il giorno del matrimonio, una o più persone mai conosciute a fotografare il vostro sì.

Ricordate che porre tante domande al fotografo non vi renderà antipatici, ma solo più sicuri e consapevoli della scelta che dovrete affrontare.

Nel nostro studio abbiamo deciso fin da subito che instaurare empatia volesse dire avere la possibilità di raccontare al meglio la giornata del matrimonio e saper trasformare le ansie degli sposi in momenti di serenità.

In fondo ci sposiamo svariate volte l’anno 😊  e sappiamo ormai esattamente quali sono, come prevenire o risolvere i problemi che possono insorgere durante una giornata così intensa di emozioni.

Raccontare al fotografo più dettagli possibili della giornata del matrimonio

Un fotografo professionale è meticoloso, vuole scoprire molti dettagli del vostro giorno. Non vi chiederà solamente informazioni utili della giornata, come il tipo di rito o l’ora del matrimonio, ma andrà molto a fondo cercando di capire le vostre personalità.

Se il fotografo conosce tutti i dettagli del matrimonio sarà in grado di fornirvi dei consigli utili perché per superare le difficoltà bisogna conoscere bene tutte le opportunità.

Raccontate al vostro fotografo cosa avete pensato per il vostro giorno, quali sono le location del matrimonio, che tipo di festa avete in mente di organizzare.

Dai racconti possono nascere diversi spunti per il fotografo che può trasformare in occasioni uniche per scattare delle belle immagini.

Molte coppie, spesso entusiaste di organizzare il proprio evento, possono sottovalutare diversi aspetti che un fotografo con un esperienza può aiutarvi a gestire.

Vediamo insieme alcuni esempi:

1. Rito simbolico all’aperto – mesi da giugno ad agosto (in alcune regioni anche settembre)

Molte coppie che ci vengono a trovare ci raccontano come vogliono organizzare il proprio rito. Vogliono che sia all’aperto, magari direttamente in location.
Quello che spesso sottovalutano è l’ora del rito e il posto in cui allestire le sedute per gli ospiti e dove scambiare le proprie promesse.

fotografo sposa

Adesso immaginate una giornata di sole pieno e il caldo afoso estivo. Quanto i vostri ospiti saranno felici di rimanere seduti sotto il sole?

Ve lo diciamo noi neanche dieci minuti. Il risultato sarà una fuga verso la zona d’ombra più vicina.

Molte coppie a volte sottovalutano questa cosa. Sottovalutano persino il fatto che il sole possa dare veramente fastidio agli occhi e potreste assumere espressioni che a livello fotografico non sono proprio adatte.

Nella foto appena sopra il sole pian piano lasciava posto all’ombra. Il rito è stato previsto all’ora in un cui l’ombra ha coperto tutta la location.

Risultato? Ospiti felici e foto perfette.

borgo miedievale torino

2. Rito simbolico all’aperto e se dovesse piovere?

Fotografo sposa e sposo devono sempre mettere in conto la possibilità della pioggia.

Purtroppo non possiamo avere il controllo del meteo durante la giornata del matrimonio, ma se pensiamo ad un ottimo piano B saremo salvi.

Spesso si pensa solo al piano A (giornata serena e soleggiata) uno dei classici errori di chi ha pochi matrimoni alle spalle.

Se la location del matrimonio ha un bel prato con una vista mozzafiato, ma non possedete un buon piano B dovrete fare la danza della pioggia per scongiurare il tutto.

Il risultato? Foto poco suggestive rispetto al piano A e molta molta delusione.

La soluzione? Prevedere una buona alternativa. Ciò vuol dire non improvvisare in caso di pioggia e soprattutto non accontentarsi ma avere già calcolato un alternativa valida che metta fotografo sposa e sposo nelle condizioni di poter proseguire il servizio fotografico del matrimonio.

fotografo sposa

Fare un sopralluogo nelle location del matrimonio insieme al fotografo

Parlare del proprio matrimonio con il fotografo è importante, ma lo è ancor di più il sopralluogo che ci permette di valutare concretamente tutte le opportunità che avremo per ottenere foto meravigliose.

Durante il sopralluogo vengono fuori davvero tanti aspetti sottovalutati.

Per esempio durante un sopralluogo con una coppia il cui rito doveva essere all’interno abbiamo potuto constatare che le ampie volte a crociera potevano essere un problema dal punto di vista audio e rovinare la parte videografica. Il riverbero era veramente fastidioso.

Grazie al sopralluogo e alla collaborazione di un tecnico del suono abbiamo pianificato il corretto posizionamento delle casse acustiche per ottenere un audio perfetto.

Durante la pianificazione di un altro matrimonio, grazie al sopralluogo della location, abbiamo notato che effettuare il taglio della torta in serata sarebbe stato di scarso impatto. Non avremmo sfruttato lo sfondo stupendo offerto dall’incantevole vista che la location possedeva. Dopo varie riflessioni abbiamo previsto due tagli, uno con la luce del sole e uno serale in modo da sfruttare a pieno le potenzialità della location senza sconvolgere i programmi della giornata.

Pianificare tutta la giornata: la timeline

Una volta effettuato il sopralluogo, previsto le varie possibilità e approfondito diversi argomenti riguardanti la giornata, si passa alla compilazione della timeline, che sarebbe lo svolgimento dei vari momenti del giorno del matrimonio in sequenza.

Decidere bene quando fare le foto allo sposo e alla sposa per evitare qualsiasi tipo di ritardo per il rito.

Anticipare le foto di mezz’ora permette di arrivare in orario per esempio in caso di ritardo della truccatrice nel finire il trucco sposa.

Arrivare in anticipo in chiesa o nel luogo dove avverrà il rito ti permette di fotografare l’arrivo degli invitati e l’emozione dello sposo.

La timeline ci aiuta a capire anche quali sono i migliori orari in base alle distanze da coprire, per esempio quando il matrimonio si svolge in chiesa e la location dista parecchi km dal luogo del rito.

Ci sono davvero moltissimi aspetti che occorre valutare. E noi siamo pronti ad affrontare con voi tutte le sfaccettature del vostro matrimonio.

Ve l’avevamo detto l’unione fa la forza!